Osservatorio Partite Iva: dati e statistiche sul sito del Tesoro

di Simone 1

Il sito web del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha messo a disposizione da quattro giorni a questa parte tutti i contenuti relativi alle nuove partite Iva: nel dettaglio, questi ultimi si riferiscono, in particolare, alle varie dichiarazioni fiscali (in particolare Iva, Irpef e Irap) e alle varie statistiche degli studi di settore. C’è poi uno strumento nuovo di zecca che consente di essere maggiormente informati da questo punto di vista. Si tratta dell’Osservatorio sulle partite Iva, il quale monitora con cadenza mensile l’anagrafica in questione, fornendo informazioni utili e soprattutto tempestive a tutti i contribuenti che sono interessati. In questa maniera, si può avere un bollettino che fa comprendere meglio il fenomeno, con le opportune distinzioni per quel che concerne l’attività economica che viene svolta, il territorio di competenza, ma anche il sesso e l’età delle persone.

Entrando maggiormente nel dettaglio statistico, c’è da dire che nei primi otto mesi di questo anno sono state aperte quasi 390mila nuove partite Iva (per la precisione, il numero esatto ammonta a 389.372 unità), un dato che mette in luce una flessione piuttosto decisa rispetto allo stesso periodo di un anno prima (3,7 punti percentuali in meno). C’è comunque da dire che l’andamento negativo è dovuto soprattutto al primo trimestre del 2011, mentre nei restanti mesi si è assistito a un importante recupero; inoltre, la stragrande maggioranza dei casi di nuova apertura ha riguardato le persone fisiche (74%), con le società di capitali e quelle di persone ancora troppo distanti da questa percentuale.

Un ulteriore elemento di interesse e riflessione è il settore economico delle partite Iva, vale a dire, in primis, il commercio e le attività professionali, con un buon aumento per quel che concerne la ristorazione. Infine, si tratta soprattutto di un fenomeno “maschile”: il 65% delle aperture in questione è stato opera di uomini, il restante 35% di donne.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>