Nuova tassa sui conti correnti

di roberto 2

Il Decreto Salva Italia ha introdotto una nuova tassa sui conti correnti, mediante variazione della precedente imposta di bollo applicata su tali rapporti. La nuova tassazione sui conti correnti bancari comporta diverse importanti novità sul fronte del prelievo fiscale, che potrebbero costituire beneficio per chi detiene un conto corrente con scarse giacenze, e penalizzare coloro che invece detengono sul conto importanti somme di denaro.

Il Decreto Salva Italia introduce infatti un’imposta proporzionale pari a 0,1 punti percentuali per il 2012, con un importo minimo di 34,20 euro e un importo massimo di 1.200 euro, che sale allo 0,15% nel 2013, con abbattimento del limite massimo dei 1.200 euro. Viene inoltre prevista una soglia di esenzione, rappresentata dall’area no-tax per coloro che detengono un conto corrente con giacenza non superiore ai 5 mila euro.

La nuova tassa sui conti correnti colpisce tutti coloro che rieultano essere titolare di un rapporto di conto, persone fisiche, ai quali viene indirizzato l’estratto conto (è infatti su tale comunicazione, cartacea o elettronica, che viene applicata l’imposta di bollo).

Una delle novità del Decreto riguarda inoltre la possibilità di estendere la tassazione anche ai conti deposito, che fino ad ora erano stati rappresentativi di “isole felici” nei quali depositare sul brevissimo termine le proprie giacenze, grazie a una diffusa esenzione dagli ultimi provvedimenti in materia fiscale.

Ebbene, la nuova tassa si estende anche ai rapporti di conti di deposito, nelle stesse percentuali già previste per i conti correnti. Un balzello che non dovrebbe comunque minare alla base la convenienza di questi prodotti (vincolati e liberi) rispetto ad altre forme di investimento e di deposito nel breve termine.

Ricordiamo inoltre che in caso di intestazione di più conti correnti o più conti di deposito, la tassa seguirà il conto e non l’intestatario (pertanto, sono possibilità applicazioni di più tasse, quanti sono i conti posseduti dal cliente bancario).

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>