Costi del contratto a progetto

 
roberto
23 marzo 2012
Commenta

business hand shake mani stretta di mano  Costi del contratto a progettoCome noto, il contratto a progetto è un contratto di lavoro rappresentato da una collaborazione contributiva per programma, disciplinato in Italia dalla cosiddetta Legge Biagi. Tale contratto è rappresentato fondamentalmente da una collaborazione prolungata nel tempo, ma finalizzata alla realizzazione di uno specifico progetto o di una parte di esso.

Per quanto concerne lo stretto profilo dell’economicità del rapporto di lavoro, sottolineiamo come esso sia certamente più conveniente (per il datore di lavoro) rispetto ad altre forme subordinate, quali ad esempio il tradizionale contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato non a progetto. Per far ciò, basti considerare che i contratti a progetto sono interamente frutto di una trattativa privata fra datore di lavoro e dipendenti, e che sovente vengono realizzate clausole di preavviso utili per poter sciogliere il rapporto di lavoro anche prima della realizzazione del progetto, senza indennizzi.

Ne è derivata la generazione di una diffusa situazione di precarietà all’interno del mercato italiano, con minori rischi per le imprese, e maggiori difficoltà per i singoli lavoratori.

Per quanto concerne il compenso, questo sembra essere legato – in tutto o in parte – al raggiungimento di specifici obiettivi, e non al monte ore spese nel rapporto di lavoro. Di conseguenza, il lavoratore dovrà prevedere con grandissima attendibilità il proprio impegno orario, al fine di non subire un eccessivo sbilanciamento ai suoi danni.

Ancora, si pensi come il contratto a progetto contenga l’erogazione di un compenso lordo che dovrà essere comprensivo di tasse, contributi INPS e assicurazioni obbligatorie. Perfino la modalità di erogazione sarà liberamente stabilita tra le parti, con conseguente possibilità di fissare delle alternative al canonico pagamento mensile e, perfino, erogando il compenso in un’unica tranche, a fine del progetto. Non vengono corrisposte tredicesime, trattamenti di fine rapporto, o altri emolumenti.

CONTRATTO A PROGETTO ANCHE PER CHI HA LA PARTITA IVA

CONTRATTI A PROGETTO

Articoli Correlati
Premio sulle assunzioni 2012

Premio sulle assunzioni 2012

Operativa fino al 31 marzo 2013 l’agevolazione che punta a ricompensare  i datori di lavoro, imprese e professionisti, con un premio tra i 3 mila e i 12 mila euro […]

Partite IVA, tutte le ultime novità

Partite IVA, tutte le ultime novità

Tempi duri per i “furbi” che cercano di aggirare le normative sulle relazioni di lavoro subordinato attraverso le c.d. partite IVA fittizie. Stando a quanto si legge a mezzo stampa […]

Manovra estiva: Per i lavoratori a progetto niente una tantum

Manovra estiva: Per i lavoratori a progetto niente una tantum

Se ne era discusso varie volte di dare una somma Una-Tantum per i lavoratori a proggetto che perdono il lavoro ma dopo tanti reinvi in aula è misteriosamente scomparsa dalla […]

Contratto a progetto anche per chi ha la partita IVA

Contratto a progetto anche per chi ha la partita IVA

A seguito di un interpello n. 65/2008 il Ministero del Lavoro ha sciolto un dubbio circa la possibilità di un titolare di partita IVA di svolgere lavori con contratto a […]

Precisazioni INPS in merito ai contratto di lavoro a progetto

Precisazioni INPS in merito ai contratto di lavoro a progetto

L’INPS in relazione alla nota del Ministero del Lavoro N. 16984 riguardante i contratti di lavoro a progetto, Co.co.pro.,  ha chiarito che la cosi detta prova di subordinazione non può […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento