Deducibilità perdite su crediti 2012

 
roberto
21 agosto 2012
Commenta

L’art. 33 del decreto 83/2012 è intervenuto in maniera incisiva sull’art. 101 del Testo unico sulle imposte sul reddito, introducendo previsioni specifiche nel caso di creditore assoggettato a procedure concorsuali e, altresì, introducendo una norma in sostanziale favore nei confronti della deducibilità delle perdite su crediti di modesta entità o relative a diritti ormai prescritti. Cerchiamo pertanto di comprendere insieme quali siano le caratteristiche delle innovazioni pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 10 agosto 2012.

L’art. 101 nella sua nuova versione contempla la certezza e la precisione della perdita quale
caratteristica necessaria per la sua deducibilità. Tuttavia, la novità riguarda la possibilità di riconoscere la sussistenza dei crediti in perdita con potenziale deducibilità nell’ipotesi in cui il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo temporale di almeno sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito stesso. Senza necessità di ulteriori prove in tal caso la perdita diviene deducibile ai fini Ires (Irpef).

Rimane ora da comprendere cosa si intenda per “modesta entità”. Stando alla lettura delle innovazioni, si ha modesta entità avendo riguardo sia all’ammontare del credito che alle dimensioni dell’impresa titolare del diritto.

Si considerano crediti modesti quelli di importo non superiore a 5.000 euro per le imprese di più rilevante dimensione che per il 2009 erano quelle con un volume d’affari o ricavi non inferiori a 300 milioni, per il 2010 200 milioni e per il 2011 150 milioni; e quelli di importo non superiore
a 2.500 euro per le altre imprese.

Contemporaneamente, la norma introdotta riconosce la certezza e la precisione della perdita nel caso in cui il diritto alla riscossione del credito sia prescritto.

Un tema particolarmente delicato, visto e considerato che in tempi di estrema crisi economica e finanziaria, i crediti in perdita o di impossibile riscossione non mancano, di certo, di impoverire i bilanci delle aziende italiane.

Articoli Correlati
Compensazione crediti IVA aprile 2012

Compensazione crediti IVA aprile 2012

Il mese di aprile 2012 apporta qualche interessante novità in materia di compensazione crediti IVA. Innanzitutto, a decorrere dalla prossima scadenza dei termini di versamento, prevista per il 16 aprile […]

Crediti di imposta e imposte anticipate: cosa cambia

Crediti di imposta e imposte anticipate: cosa cambia

L’articolo 2 comma 55 – 59 del decreto legge 225/2010 apporta qualche modifica al meccanismo dei crediti di imposta e delle imposte anticipate. Ma in cosa consiste l’agevolazione prevista? Ricordiamo […]

Crediti di imposta: quali sono

Crediti di imposta: quali sono

Il Fisco, per specifici investimenti e settori della nostra economia, può concedere, nel rispetto dei requisiti previsti, dei bonus fiscali sotto forma di credito di imposta che poi si può […]

Deducibilità spese telefoniche e trasmissione dati

Deducibilità spese telefoniche e trasmissione dati

Torniamo a parlare della deducibilità delle spese telefoniche e trasmissione dati, TLC, per comunicare che l’Associazione italiana dottori commercialisti  con la norma di comportamento n. 175 ha stabilito che le […]

Deducibilità interessi passivi

Deducibilità interessi passivi

La Finanziaria 2008 ha apportato una significante modifica al metodo di trattamento fiscale degli interessi. In pratica  ha modificato tutta la disciplina sulla deducibilità degli interessi passivi ai fini Ires, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento