You are here
Home > Agenzia entrate > Tasse e comunicazioni di irregolarità

Tasse e comunicazioni di irregolarità

La presentazione della dichiarazione dei redditi, da parte di un contribuente, ed a valere per quel dato anno di imposta, non esonera il contribuente a “rispondere” al Fisco nel caso in cui quest’ultimo poi negli anni successivi chieda di “dimostrare”, ad esempio, che la fruizione di deduzioni e/o detrazioni fiscali è avvenuta a fronte del possesso delle quietanze, delle ricevute, fatture e/o scontrini. Il Fisco quanto rileva maggiori imposte da pagare rispetto alle tasse già versate dal contribuente, non invia subito la cartella di pagamento, ma la cosiddetta comunicazione di irregolarità.

Il vantaggio della comunicazione di irregolarità, se la pretesa del Fisco è corretta, è quello per cui il contribuente può regolarizzare la propria posizione entro un termine massimo di 30 giorni versando delle sanzioni ridotte.

Fil

Lascia un commento

Top