You are here
Home > Finanziaria > Manovra finanziaria 2011 e capitali all’estero

Manovra finanziaria 2011 e capitali all’estero

La nuova manovra finanziaria 2011, da 45 miliardi di euro, rappresenta l’ennesimo prezzo da pagare nei confronti dei Paesi del Vecchio Continente più solidi, Francia e Germania in testa, se vogliamo ancora essere una nazione dell’Eurozona. Il tutto a fronte di una bassa crescita e di uno dei debiti pubblici più alti al mondo. Intanto però crescono, con un +7,1%, i capitali all’estero; a stimarlo è KRLS Network of Business Ethics per conto di Contribuenti.it, Associazione Contribuenti Italiani, la quale sottolinea come questo aumento sia legato proprio alla manovra finanziaria 2011 lacrime e sangue.

Inoltre, c’è anche da dire che in sede di discussione della manovra potrebbe essere inserita una tassa sui cosiddetti patrimoni scudati, il che di certo non tranquillizza chi ha il vizio di far dileguare i propri capitali fuori dai nostri confini.

Fil

2 thoughts on “Manovra finanziaria 2011 e capitali all’estero

Lascia un commento

Top