You are here
Home > Agenzia entrate > Domande online per erogazione TFR

Domande online per erogazione TFR

In linea con il proprio processo di digitalizzazione delle attività dell’Inps, l’istituto ha precisato nella circolare 21/2013 che sono passate online le domande di erogazione diretta del tfr ai lavoratori da parte del fondo di tesoreria. L’istituto ha comunque concesso un periodo di 180 giorni durante il quale sarà possibile utilizzare i modelli cartacei (FTES01/03 per l’azienda e FTES02 per i lavoratori). Ma vediamo più nel dettaglio cosa sta cambiando per questo importante servizio Inps.

In un interessante approfondimento curato da Carla De Lellis su Italia Oggi dell’8 febbraio 2013, si ricorda come “le richieste riguardano l’ipotesi di incapienza dei contributi versati all’Inps al fine di erogare ai lavoratori il proprio tfr, anche a seguito di richiesta di anticipazione. In questi casi, è il fondo di tesoreria a pagare l’intera quota del tfr direttamente al lavoratore interessato, entro 30 giorni dalla comunicazione da parte del datore di lavoro dell’incapienza” (vedi anche Tfr: l’Inps apporta delle modifiche al fondo di garanzia).

Ebbene, sulla base delle novità preannunciate, la comunicazione andrà d’ora in poi effettuata attraverso uno dei seguenti canali: accedendo al sito internet (www.inps.it) alla sezione «Servizi on line – Per tipologia di utente» «Aziende, consulenti e professionisti – Domanda Fondo Tesoreria»; inviando un file telematico XML. In tal caso, le specifiche tecniche di trasmissione e i parametri di configurazione per la connessione ftp vanno richiesti a: [email protected]

Al fine di rispondere a qualsiasi domanda di chiarimento è infine disponibile il Contact Center, raggiungibile al numero 803 164 da rete fissa e al numero 06.164.164 da rete mobile, aggiunge l’Inps, che fornisce a richiesta esclusivamente un supporto informativo per il corretto utilizzo del servizio web (vedi anche Novità Cud 2013).

Per quanto infine concerne la platea di soggetti tenuti a presentare la dichiarazione di incapienza sono: il datore di lavoro, ovvero un dipendente delegato dallo stesso; i soggetti abilitati alla cura degli adempimenti in materia di lavoro, previdenza e assistenza sociale dei lavoratori dipendenti (circolare Inps n. 28/2011); i responsabili delle procedure concorsuali e i responsabili della gestione dell’azienda in sostituzione del datore di lavoro.

Lascia un commento

Top